Un concetto di protezione per la procedura di qualificazione

News

Le procedure di qualificazione per i piastrellisti AFC e gli aiuto piastrellisti CFP inizieranno il prossimo 10 maggio 2021 a Dagmersellen. La cerimonia di consegna dei diplomi è prevista invece per il 9 luglio 2021. Cosa significa questo in termini di sicurezza e misure di protezione? Thomas Vogel, esperto di sicurezza ASP per la soluzione settoriale 55, ci spiega come funzionerà. 

image
QV Schutzkonzept

Come si svolgeranno quest’anno le procedure di qualificazione?
Thomas Vogel: A differenza dello scorso anno, gli esami professionali si terranno in forma scritta e orale, mentre l’esame pratico dovrà svolgersi entro i tempi abituali.

Quali misure sono necessarie per un corretto svolgimento presso il centro di formazione?
Per il lavoro pratico abbiamo allestito delle postazioni di taglio e fresatura aggiuntive di fronte alla sala di formazione, così da poter garantire le distanze di sicurezza. Al termine dell’esame, macchine e posti di lavoro verranno ripuliti doverosamente. Per la formazione professionale invece, distribuiamo i candidati in sale di formazione supplementari in modo che le distanze minime siano garantite. I candidati dovranno inoltre fare un test rapido all’arrivo al centro di formazione. Eseguiamo questi test in collaborazione con il laboratorio cantonale. Così facendo, i risultati saranno inclusi nelle statistiche federali e possiamo fatturare i test alle casse malati. Ricordo inoltre che i controlli sanitari mattutini come la misurazione della temperatura sono diventati per noi routine.

Come possono prepararsi i candidati?
Raccomandiamo loro di procurarsi i test gratuiti in farmacia, e di usarli regolarmente in modo da individuare eventuali infezioni da Coronavirus prima ancora dell’arrivo al centro. Dovrebbero anche controllare quali mascherine protettive tollerano meglio: le mascherine in tessuto oppure le mascherine igieniche standard, ed esercitarsi a casa già con la “tenuta completa”, ovvero la mascherina, gli occhiali e la protezione dell’udito. Con un po’ di pratica e tecnica è infatti possibile ridurre significativamente l’appannamento degli occhiali quando si espira.

E durante l’esame?
In realtà, i candidati già conoscono la situazione dai vari corsi interaziendali. Vale la pena regolare la mascherina così che sia più comoda da indossare. Durante la formazione, è consigliato concedersi delle brevi pause per fare qualche respiro profondo all’aria aperta e idratarsi a sufficienza. La cosa migliore è non innervosirsi per la mascherina ma semplicemente indossarla, come è pratica comune in altre professioni, come nelle cure infermieristiche.

Per gli esperti invece questo cosa significa?
Sarebbe per noi enormemente auspicabile se si sottoponessero a un test rapido autonomamente, già a casa, visto che alcuni di loro visitano il centro di formazione anche solo per interventi di un’ora. La situazione pone chiaramente delle sfide anche per loro: durante la valutazione è quasi impossibile mantenere la distanza minima di sicurezza. Ma con i test, la mascherina, e le altre misure igieniche, possiamo tutti lavorare con la coscienza pulita.

Che ne sarà invece della visione delle prove d’esame e la consegna dei diplomi?
Per la visita dopo il completamento della prova pratica, e la visione del lavoro d’esame, ci sarà la regola di una persona per candidato. Gli apprendisti interessati e le loro aziende saranno informati direttamente via e-mail. Una consegna personale dei diplomi è prevista per il 9 di luglio, ma la situazione verrà costantemente rivalutata. L’obiettivo di quest’anno è quello di rendere possibile ai laureati una cerimonia di consegna diplomi.

stauffer.png sponagel_ag.png fluetsch.png haussener_ag.png h-plaettlimaxx.png weber_ag_rueti_zh.png