Bilancio dell'anno

News

“L’associazione è una rete vivace basata sul partenariato”  

L’anno 2021 è stato di nuovo fortemente segnato dalle misure che ruotano attorno alla pandemia Covid-19, ma anche da sviluppi che sono stati preparati con molto anticipo nell’associazione. Tiriamo un bilancio dell’anno passato con Konrad Imbach, presidente centrale ASP, Elisabeth Arm, responsabile del marketing e della comunicazione nel comitato centrale, e Andreas Furgler, direttore. 

image
Bildungspark

Quali sono gli avvenimenti di quest’anno associativo che ricordi di più?  

Konrad Imbach: il 2021 non è stato un anno spettacolare, ma è stato comunque parecchio intenso. Eravamo e restiamo confrontati con tutta una serie di conseguenze dovute alla pandemia – conseguenze economiche, evoluzione dei prezzi, carenza di materiale, situazione della manodopera e così via. E abbiamo potuto constatare che anche il nostro sistema ben consolidato presenta aspetti molto volatili. A volte non è stato facile ottenere la comprensione necessaria richiesta dalle situazioni straordinarie. Un vero punto culminante per me è stato vedere ciò che tutti coloro che sono stati coinvolti hanno fatto per il centro di formazione e la nostra educazione e formazione. Questo è fantastico!   

Elisabeth Arm: Anche quest’anno abbiamo continuato a proporre la newsletter per i nostri membri – è stata creata per necessità, per così dire, al fine di mantenere attivo un canale di comunicazione durante il primo lockdown. Nel frattempo, si è affermata come canale di informazione supplementare che a riscosso un enorme successo. Con informazioni specifiche orientate a vari gruppi target, siamo riusciti ad aumentare significativamente la consapevolezza dei nostri materiali tra architetti, progettisti e designer. Sono molto contenta di vedere che la nostra comunicazione sta dando i suoi frutti.
  

Nonostante la pandemia, le proposte di formazione hanno avuto un enorme successo. Com’è stato possibile?   

Andreas Furgler: Abbiamo applicato rigorosamente il nostro concetto di protezione e di test fin dall'inizio. Naturalmente, abbiamo riscontrato anche incomprensione da alcuni dei nostri clienti e le reazioni non erano sempre divertenti, ma alla fine siamo riusciti a tenere aperta l'attività. Vorrei cogliere l'occasione per ringraziare tutta la squadra del centro di formazione a Dagmersellen, perché anche nel secondo anno di pandemia hanno fatto un ottimo lavoro, nonostante le condizioni difficili.   
 

C’è la necessità di rivedere l’offerta formativa?  

Konrad Imbach: Tutto sommato siamo più o meno a giorno, ma dobbiamo sempre stare al passo con i tempi. Nuove sfide, come nuovi materiali e formati, continuano a stimolare la nostra offerta educativa. Servizi nuovi e aggiornati, come i webinar o gli ASP Innovation Days, sono alcuni modi scelti per affrontare questa sfida. Un punto critico però rimane: come facciamo a far usare questi strumenti al maggior numero possibile di associati? So che spesso non è facile trovare il tempo, ma i benefici sono garantiti.  
 

La nuova costruzione e la ristrutturazione del centro di formazione è in fase di completamento – qual è l’attuale stato della sede di Dagmersellen?  

Andreas Furgler: Da ottobre, i nostri ospiti possono soggiornare nelle 46 nuove camere doppie con doccia e WC. I feedback degli studenti sono costantemente positivi. La nuova area lounge “SIKA Lounge” è provvisoriamente arredata e offre ai giovani uno spazio per rilassarsi. Due delle tre nuove aule al piano terra (che sostituiscono l’attuale foyer del vecchio edificio) sono già in uso. L’apertura della nuova sala di ricreazione nel seminterrato del nuovo edificio è prevista per agosto 2022. Con la fine di novembre, gli uffici si sono traferiti temporaneamente nell’ex foyer e nelle sale di formazione, e i lavori di ristrutturazione del vecchio edificio sono iniziati.  
Grazie al buon coordinamento con la direzione lavori, stiamo cercando di mantenere le restrizioni alle operazioni in corso le più piccole possibili. I nostri clienti dimostrano grande comprensione e tolleranza se c’è un po’ di rumore tra una cosa e l’altra – siamo molto grati per questo. Ci aspettiamo che la ristrutturazione venga completata al più tardi entro le vacanze estive e che l’ufficio sia in grado di tornare operativo nei nuovi rinnovati spazi. Fino ad allora, anche i lavori di attorno all’edificio saranno in gran parte completati – non vediamo l’ora!  
  

I nostri associati si trovano di fronte a ritardi nelle forniture, pressione sui prezzi e aumenti dei costi. L’associazione ha dei consigli su come affrontare questa difficile situazione?  

Konrad Imbach: Può sembrare banale, ma il pensiero e l’azione imprenditoriale sono ora più richiesti che mai – in tutti gli ambiti, dalla calcolazione all’esecuzione. Principi collaudati, come partnership affidabili, comunicazione trasparente e pianificazione lungimirante continuano ad avere un’alta priorità. E infine, dobbiamo anche rappresentare i valori e i benefici dell’associazione e portarli all’esterno – nel dialogo possiamo tutti trovare un modo di andare avanti.  
  

Quali sono i benefici per i membri attuali e futuri?  

Konrad Imbach: È importante ricordare che l’associazione fa molto di più che negoziare un CCNL con le parti sociali, con regolamenti su salari e orari di lavoro e i relativi controlli. L’ASP è un’entità con molte sfaccettature – PLATINIUM, Swiss e WorldSkills, consulenza tecnica, attività di politica commerciale, promemoria e altri servizi. Si tratta di istruzione e formazione, partecipazioni d’eccezione a concorsi professionali, rappresentanza del settore e molto altro ancora. L’appartenenza all’associazione porta grandi benefici ed è anche un riconoscimento verso il settore.  
  

La parola chiave qualità è tornata alla ribalta con la ricertificazione PLATINIUM. Come può il settore migliorare ulteriormente?  

Andreas Furgler: Dobbiamo lavorare costantemente sul fatto che la qualità dipende in ultima analisi dalle persone, dalle loro competenze e dai buoni prodotti. Le aziende PLATINIUM si impegnano a favore delle future generazioni del nostro settore e si concentrano costantemente sulla formazione continua. Come associazione, dobbiamo fare in modo di coinvolgere maggiormente i partner del settore nella formazione base e continua.  

Elisabeth Arm: Il fatto che il marchio goda di così tanta attenzione nel settore e tra i clienti è un chiaro mandato per noi di continuare a concentrarci costantemente sulla qualità. Per la ricertificazione, stiamo fissando l’asticella ancora più in alto. La formazione base e continua, la gestione della qualità, la gestione di errori e la sostenibilità avranno un ruolo maggiore – sia per aziende di posa che vendita. Insieme vogliamo anche fare in modo che la percezione del marchio di qualità aumenti in ampie cerchie.  
  

Quali punti salienti ci si può aspettare nel 2022?  

Elisabeth Arm: mi auguro che riusciremo nuovamente a consegnare i riconoscimenti PLATINIUM in un ambiente dignitoso – lo dobbiamo alle aziende premiate. Spero che per l’estate potremo mettere in scena la ceramica nelle condizioni più rilassate possibili, durante il festival di teatro all’aperto di Moosegg. Sono sicura che metteremo in gioco tutti i nostri canali comunicativi per guadagnare ancora più simpatie per i nostri materiali, le opportunità e le persone uniche che operano nel nostro settore. E sono felice di vedere che le nostre misure di comunicazione non sono interessanti solo per i membri associati, ma possono anche muovere i “non ancora membri” a diventare membri e a rendersi conto di come la campagna “ceramica unica” e il marchio di qualità PLATINIUM possano aiutarli.   

Andreas Furgler: Dal punto di vista dell’associazione, è certamente la partecipazione agli SwissSkills a Berna nel settembre 2022. Qui, insieme ai nostri partner, possiamo inviare un segnale forte per i nostri giovani e il nostro settore. Dal punto di vista del centro di formazione Dagmersellen, è invece il completamento del nuovo edificio e la ristrutturazione (fase 2). Il nostro obiettivo è quello di poter celebrare una piccola inaugurazione in occasione della riunione dei delegati ASP il 17 giugno 2022.  

Konrad Imbach: Anche per me l’apertura del centro di formazione ampliato e la ricertificazione PLATINIUM ne fanno parte. Non come punto saliente ma come punto focale, definisco invece l’aumento del livello di organizzazione – per far progredire e rappresentare il settore, abbiamo bisogno di una base ampia, cioè il maggior numero possibile di membri. Vogliamo mostrare loro che l’associazione è una rete attiva, vivace, cooperativa e flessibile, i cui diversi servizi nel campo della consulenza, dell’amministrazione, dell’assicurazione, del know-how legale e così via portano molti vantaggi a tutti.  

cristofoli.png stauffer.png h-kaiser.png dillier.png bazzi.png oertig.png