“L’importante è trattare tutti allo stesso modo”

News

Da 5 anni Nicole Ott (45) è direttrice, titolare e presidente del consiglio di amministrazione della Reinhard Ott AG di Arlesheim.

Piastrellista diplomata con formazione continua quale capo piastrellista e maestra piastrellista, Nicole è sposata e ha una figlia di 11 anni. Come ci riesce?

image
Nicole Ott

Lei è una delle poche donne a gestire un’impresa di posa di piastrelle. Ha uno stile di gestione femminile? 
Non saprei dire esattamente, forse ho semplicemente uno stile di gestione contemporaneo. Questo include incoraggiare i dipendenti, favorire il lavoro di squadra, la fiducia e la coerenza. Ho introdotto, ad esempio, che durante i regolari colloqui di valutazione, ci limitiamo ad elencare due debolezze e due punti di forza. Lavoriamo per rafforzare i punti deboli in maniera mirata e costruiamo insieme sui punti di forza. Tutti i dipendenti sono impiegati secondo le loro migliori capacità – il che significa che nella mia azienda ci sono solo bravi dipendenti. Per me, non c’è niente di meglio che vedere qualcuno crescere ed evolversi, sviluppando le proprie capacità e mettendole in pratica nel miglior modo possibile. 

Come si tiene insieme una squadra di 40 persone? 
Ci vuole molta fiducia. Le persone sono molto autonome, hanno la loro auto aziendale e sono distribuite sui cantieri. Ognuno prende sul serio la propria responsabilità. Questo è impegnativo anche per i dipendenti, ma posso affermare con certezza che il nostro team è cresciuto molto e allo stesso tempo è rimasto molto costante. Le attività di team building comprendono corsi di formazione interna, seguite da un’incontro più informale, come una gita o un aperitivo – non appena il coronavirus lo permetterà! Per me è importante mostrare lo stesso apprezzamento per tutti, dai nuovi arrivati ai piastrellisti con oltre 30 anni di servizio. 

Hai cambiato orientamento professionale, ti sei formata per diventare piastrellista, poi capo piastrellista, poi maestra piastrellista. Probabilmente eri una specie considerata quasi esotica... 
Prima di tutto, non avevo alcun idea del mondo dell’edilizia. Dopo il liceo, la scuola universitaria professionale come economista aziendale, l’assistente di volo, e la Key Account Manager presso un’impresa di pulizia, sono entrata, all’età di 28 anni, nell’amministrazione dell’azienda di mio padre. Per me era importante conoscere il lavoro dalle sua fondamenta. Ma ero esotica non tanto per il mio sesso, quanto per la mia età. E qui ho anche conosciuto persone completamente diverse rispetto ai miei lavori precedenti. Come donna nell’edilizia hai anche dei vantaggi – tendi ad essere sottovalutata e la sorpresa per le tue capacità è proporzionalmente più elevata. Molti hanno serbato un ricordo positivo della mia persona e ne sono derivati bellissimi rapporti con futuri clienti. 

La vostra squadra conta anche due apprendiste piastrelliste. È il vostro modo per promuovere le donne? 
Entrambe si sono annunciate da noi senza sapere che avrebbero avuto una donna come capo. Ora sono al secondo anno di apprendistato e stanno imparando bene. Mi sono messa a loro disposizione qualora dovessero riscontrare delle difficoltà. Ma finora non è stato necessario. Promuovere le donne è difficile nel nostro settore perché ce ne sono pochissime. La cosa per me più importante e che donne e uomini vengano trattati allo stesso modo. 

Le donne portano nuovo slancio, nuovi approcci e soluzioni al nostro settore? 
Penso sia più una questione di valori che di genere. Certo, sono spesso l’unica donna tra gli uomini e forse questa composizione favorisce un clima piacevole. Ma il fatto che persone con valori condivisi si attraggano è probabilmente più decisivo. Questo vale sia per i clienti, sia per i dipendenti. 

Come fai a bilanciare lavoro e famiglia? 
In nessun modo… è molto difficile, come donna, avere una carriera con una bambina e un marito a casa. Quando sono rimasta incinta, sapevo che un giorno avrei preso in mano l’azienda. Mio marito e io abbiamo discusso la situazione e abbiamo deciso che lui si sarebbe assunto una parte della cura dei bambini. Ma mia figlia aveva pur sempre bisogno anche di me. Così quando tornavo a casa dopo il lavoro e la scuola, e dovevo ancora studiare, a volte mi sono trovata al limite delle mie energie. Ma ce l’abbiamo fatta e so che rifarei tutto esattamente allo stesso modo. 

dillier.png grimm.png hgc.png bazzi.png oertig.png bruendler.png